top of page

PUBBLICAZIONI 

Leggere il giornale

DICONO DI NOI

Rassegna stampa

Lo Studio Gabrielli Magi Di Domenico Cipolloni protagonista di un 'importante trattativa di acquisizione di una società cliente da parte della Tre Zeta Group, nonché Koinos Capital .

La società cliente Walking World, azienda di Porto Recanati leader nel settore della produzione di suole per carpe di lusso, è stata fondata da Antonio Giampaoli e Sonia Mangialardo, ed è attiva nella produzione di componenti per sneaker: solette (fussbett) e riempitivi per suole in poliuretano espanso e con film.

Riportiamo di seguito l’articolo apparso Il sole 24 Ore (Milano Finanza 26 Genn. e     Legalcommunity.it) dedicato all’operazione straordinaria.

I professionisti dello Studio Gabrielli Magi Di Domenico Cipolloni si dicono soddisfatti dell'operazione che ha interessato un'azienda, cliente storico e cresciuta con la Studio, che grazie alla consulenza ricevuta, ha avuto la possibilità di crescere in modo esponenziale, posizionarsi ai primi posti nel mercato di riferimento, e farsi "notare" da importanti investitori.

 

Lo Studio Gabrielli Magi Di Domenico Cipolloni, con il dott. Luca Gabrielli e il dott. Francesco Di Domenico, ha assistito Walking World nei profili contabili e fiscali dell’operazione. Lo Studio Legale Pangrazi & Fati Pozzodivalle, con un team guidato dal name partner Fulvio Fati Pozzodivalle, assieme all’associate Dario Vinciguerra, ha assistito Walking World nonché i soci venditori in tutti i profili legali dell’operazione.

MvpT1O_P7.png

"Articolo tratto da "IL SOLE 24 ORE" del 26/01/2024

Avanza il progetto del Gruppo Tre Zeta di San Miniato (Pisa) che punta ad aggregare aziende industriali per controllare la filiera delle suole per scarpe di lusso,sia sneaker che formali. Ora il Gruppo, dal 2021 in mano al fondo di private equity Koinos Capital, ha messo a segno la quarta acquisizione, assicurandosi il 100% di Walking World, piccola azienda di Porto Recanati (Macerata) fondata da Antonio Giampaoli e Sonia Mangialardo, attiva nella produzione di componenti per sneaker: solette (fussbett) e riempitivi per suole in poliuretano espanso e con film.
Negli ultimi anni Walking World è cresciuta a doppia cifra, arrivando nel 2022, secondo l’ultimo bilancio depositato, a fatturare 3,4 milioni di euro con 968 mila euro di utile. In particolare l’azienda marchigiana ha investito in un impianto per la produzione di suole in poliuretano con film, brevettato e unico sul mercato, che garantisce maggiore efficienza e riduzione degli scarti. Con questa operazione, il cui valore non è stato reso noto, Tre Zeta «rafforza il presidio della catena del valore della struttura della scarpa e l’offerta di prodotti, materiali e servizi ai clienti», spiega una nota. L’obiettivo è utilizzare tecnologie avanzate per migliorare le performance sul fronte del prodotto, dei tempi e della sostenibilità, rispondendo meglio ai bisogni del mercato.

«L’operazione si inserisce nel piano di Tre Zeta diretto a costruire il gruppo di riferimento nella produzione di componenti per la struttura della calzatura di lusso, attraverso una crescita organica e per linee esterne», afferma l’azienda.
Le precedenti acquisizioni hanno interessato Stil Stampi (stampi in alluminioper suole), Suolificio Magonio (suole in cuoio per scarpe formali) e Solettificio Do.Gi(sottopiedi per scarpe formali da donna), tutte basate in Toscana. Con Walking World il gruppo (presente anche in Veneto col suolificio Brenta Suole e in Tunisia con la controllata Ste Tre Zeta che produce suole sneaker e formali) si allarga alle Marche,patria di uno storico distretto calzaturiero che conta produttori di valore. L’ambizionedi Tre Zeta è porsi nei confronti dei clienti come unico interlocutore integrato, fortea nche dei numeri. Nel 2022 il Gruppo ha superato 76 milioni di euro di ricavi pro-forma; nel 2023 ha consolidato i risultati.

«Walking World rappresenta un ulteriore acceleratore per la nostra crescita – sottolinea Fabrizio Mecheri, ceo di Tre Zeta - e apre ulteriori sinergie per un’offerta completa come solo un interlocutore “one stopshop” può avere».

bottom of page